Tempio giulio-claudio, cd.Tempio di Diana

L’isolato a est del foro, ancora in corso di studio, è caratterizzato da una grande piazza, con portici sui lati lunghi e accesso dal decumano massimo. Si tratta di un foro imperiale, realizzato in epoca giulio-claudia demolendo parte degli edifici preesistenti. Il complesso si eleva su una terrazza artificiale alta circa un metro, alla quale si accede attraverso una scalinata monumentale; sul lato breve meridionale, su un podio di circa 1,80 m, si trova un tempio a cella unica; ai lati si vedono altri basamenti, riferibili a edifici minori, forse edicole.

In seguito alla spoliazione dell’area, si hanno numerose tracce di frequentazione: buche per rifiuti, sepolture, battuti d’argilla, trincee di bonifica, fosse per l’impianto di vigneti.

Nel vano sul lato occidentale del podio è stata scavata una fornace, di incerta datazione, per la riduzione in calce di elementi architettonici, statue e are funerarie, che ha conservato una parte del deposito dell’ultimo carico.